reviews

Here I filed a little part (for the record 500 promos have been printed apart from regular edition) of the reviews regarding to Furvus releases which have been scattered all over the world. I preserved some failures as well and generally I rigorously kept the content intact, just to respect all who dedicated part of their time to speak about my work, but on the other hand to let all who told foolish things comment on themselves by their own hand, starting from the likeable manglings (innocent reading mistake / someone really amusing ones in my opinion) up to some odd or senseless reasonings ...then to degenerate in obtuse ones, often heralded just by the name itself of the media...




About 1st press of "Deflorescens Iam Robur"
Source
Media
Country
Author
Language
Gothic and Machines magazine Turkey C.Yucel ENG
Metal ShockmagazineItalyL. ArchiniITA
Ancient CeremoniesmagazinePortugalA. AntoniouENG
Himnos Rituales de GuerrawebzineColombia?ENG
FluxEuropawebzineUKJ.MarshallENG
Paranoia Metal ShowwebzineSpainI. CateuraENG
Cold Spring RecordsmailorderGermanyEllerGER
Amboss MagazinewebzinePortugalA. AntoniouENG
Middle PillarmailorderUSA?ENG
Necropolis webzine Spain ? SPA
Babylon WebzinewebzineItalyR. MaffiodoITA
Crash MagazinemagazineItalyM. FontaineITA
Eclipse MagazinemagazineNorwayM. BlackENG
Ascension MagazinemagazineItalyA. LutrianiITA
Marble MoonmagazineItalyO. ChiodoITA
NegativemailorderItalyPilatoITA
Mind ViewmagazineBelgiumBDCBEL
Forever UndergroundfanzineItalyR. AndreaITA
RumoremagazineItaly?ITA
ObliveonwebzineGermanyMKGER




About 2nd press of "Deflorescens Iam Robur"
Source
Media
Country
Author
Language
Ver Sacrum webzine Italy
Hadrianus
ITA
DarkRoomwebzineItalyR. FilippozziITA
AscensionzineItalyA. LutrianiITA


The transcript of new reviews collected have yet to be completed.
Meanwhile give a look at what I've gathered through the official project page: click HERE.



FURVUS
Deflorencens Jam Robur
BEYOND PRODUCTION

Furvus is doing intelligent and mystic Roman medievil music. It has really deep and dark atmosphere when you compare with todays bands. Luigi M.Mennella “one man army” had been in many projects from Grind to Heavy metal and he knows how to create fantastic music. You won’t be dissapointment to chek thic CD. Just confirm a copy today and start to FURVUS today!!! (Cem Yucel) 9/10

from magazine "Gothic and Machines" (Turkey)

top


FURVUS
Deflorencens Iam Robur (Beyond Prod.)
10 tks – 39 min
Conf 5 – Prod 4
Pers 4 – Tec 4

La confezione è magnifica e magnificente: pelle ed oro con un booklet interno dalle splendide immagini; sembra un antico e prezioso libro ed in un certo senso come tale è concepita questa opera di debutto di Furvus, alias il toscano Luigi Mennella. Il concetto è un esaltazione dello splendore dell’antica civiltà romana precristiana, raccontando la sua decadenza, protrattasi nei secoli bui del medioevo, fino alla rinascita culturale e spirituale del Rinascimento. Si tratta di un opera interessantissima che partendo dall’epoca romana fino a quella rinascimentale sperimenta tutti i tipi di musica attuati nelle varie epoche e, come lui stesso scrive, senza l’ausilio del computer ma usando strumenti veri. C’è una maestosa, virile e marziale musica romana, una ballata profana medievale, c’è musica rinascimentale e musica da chiesa ed ogni volta tutto è perfetto e veritiero, come se stessimo ascoltando una testimonianza originale dell’ epoca, tutto è permeato di antico; ad inframezzare i pezzi Luigi, come un narratore, recita in latino con un sottofondo di musica ambient. In un certo senso, la parte musicale ricalca quella visiva: quadri sonori con sottotitoli esplicativi. Credo ci vogliono capacità non indifferenti per avere una tale versatilità. L’unica cosa di cui si deve tenere conto è che non si tratta di un lavoro di facile ascolto, è estremamente statico e concettuale, cupissimo e monolitico... senza alcun tipo di dinamismo o velocità: i quadri si susseguono lentamente, così come le epoche nel tempo reale; ma se riuscirete ad entrare nella sua ottica, vi affascinerà. Quale può essere il seguito di un lavoro come questo? (la)

from magazine "Metal Shock" (Italy)

top


FURVUS
“Deflorescens Iam Robur”
Beyond productions

Another Beyond Prod. Release, so let’s see if it will meet the standards of their previous almost excellent stuff! Mr. Luigi M.Mennella (Is he italian? Can’t be!!!) is the only individual “behind” Furvus and judging from the bio he is also “beyond” limits!!! His activities cover a vast variety of arts such as being a painter/cartoonist, a clay – modeller/engraver followed by photography, poetry, writing, some other bands and now Furvus! So, let me get this straight... if I consider myself being an artist because of composing music and writing lyrics, what should I call this guy? I leave this one on you as I am speachless at the moment. And I’m not just speechless because of all his activities but also because he also managed to perform them well! I’m talking about this Furvus album which is an absolutely, positively impressive piece of high quality majestic synth music. This is truly one of the best releases of this sort of music and even better then the everage Cold Meat Industry acts! It is definitely not just another guy “hammering” on his keyboard and considering his creations as music. This concept album is subdivided in 4 parts (books) and is of a total of 20 songs (chapters). These parts cover the subjects of music from the early Roman Imperial Epoca to the late Rennaissance era. The actual songs are filled with a lot of folk instruments, operatic vocals and a general dark feeling! What this Furvus album represents is a big lengthy fat horror book which is written by the author! (Alex Antoniou) 4.50/5

from magazine "Ancient Ceremonies" (Portugal)

top


FURVUS
"Deflorescens I'm Robur"
(Beyond Productions)

Luigi M. Mendella is the man behind this band, he does everything (.....I thought the most busy man was Killjoy with Necropaghia and his many bands). According to his bio, he is: Painter, Caricaturist, photographer, poet, writer, model, pianist, guitarist, etc, etc. He had been playing jazz, Death, Techno Death, Black Fusion, Gothic. He had been tenor, founded the labels Hiems and Anaemec, has his own distribution, his own magazine, is Graphic Designer, etc. Now he's a Roman soldier with his sword and shell y is bringing his new band FURVUS. This is music like MORTIIS and similars (very monotonous). This is not metal, not new nor innovative, besides, the songs are too short to make sense. Does Luigi in this 10 songs march from the Roman Empire to Renaissance and remembers his warrior times? 4.0/10

from webzine "Himnos Rituales de Guerra" (Colombia)

top


FURVUS
Deflorescens Iam Robur
2000
CD
Beyond...Prod BEY 9910
39:00
Leather digibook, sleeve.

Furvus is the work of Luigi M Menella who is also responsible for En Velours Noir and various other projects. His work has ranged from avant-garde experimentation to a fair bit of thrash metal until he discovered opera back in 1996 and the full potential of his voice, leading him to produce material like this.
This is a concept album to which there are twenty tracks. They come in the form of four books, five verses for each. The main concept is the decline of pagan culture. Musically it's full of dark classical anthems to which spoken word has been added. It's spoken in Italian (Luigi sometimes sounds just like an Italian Brian Blessed!). Much of the music is quite reminiscent of the kind of thing you'd get in those old epic movies starring Charlton Heston. In addition there are some darker sounding tracks. Also there's the odd bit of folk too, as on the first chapter for 'Liber Quartus'. This is followed by a Ukrainian-sounding folk song. So it's definitely quite a mixture of sounds from this adventurous ex-thrash metal artist. JOHN MARSHALL - 26 January 2001 FluxEuropa

from webzine "FluxEuropa" (UK)


top


...one of my favourite "failures"!

FURVUS
"Deflorescens Iam Robur"
(Beyond Productions)

I was walking down the street the other day thinking about lesbians when suddenly I walked past a record shop and thought to myself "Since I have some extra money, I'll take the opportunity to buy myself a record, since I won't find any peaches here". Once inside the store, I thought to myself again, since it is always good to have conversations with oneself: "I, a guy different from the rest, have also the need to listen to different music in harmony with my supreme intellect, so the best thing I can do is ask the good man to recommend something worthy of my distinguished person". Thus I purposefully approached the manager and said: "I am feeling brave today, my good man, and I just had a glass of cocoa that established a great harmony between my spiritual aura and the universe surrounding me, so would you be so kind as to recommend me a record which is original, different, and worthy of my person?" to which he answered "Oh, young grasshopper, you have come to the right place; I Have what you were looking for, none other than Furvus!" and I, somewhat surprised said: "You won't be trying to pass a relic that no-one will buy, are you?" "Why do you say that? Because of the dust that covers it?" "Actually, yes" "No, of course not. Good records, like good wine, must pass a maturing process" "Say no more, I'll take it!"
And using my chameleon-like adaptation capabilities, I said to the storekeeper: "Charge me in euros!"; after having paid the 53,28 euros stated on the ticket, I happily went home to listen to my new purchase.
After hitting the play button, I realized that the storekeeper was right when he recommended Furvus, since it was really worthy of my intellect; a record with an orchestration typical of the "Lord of the stings", and with a deep masculine voice reading monologues in Latin, a tongue that I had ignored until then but that I intended to learn in order to spend my next vacation in Italy. In sum, Furvus is just what I was looking for, a record so transcendental that only me and the man who created it are prepared to understand it, the ideal record to play when someone comes to visit. (Ivan Cateura)

from webzine "Paranoia Metal Show" (Spain)

top


FURVUS - `Deflorescens Iam Robur` CD (Beyond)

"Result of a long philological research and the sensibility and expressive capacities of a modern Artist, a majestic, epic musical - lyrical - iconographical excursus across the unforgivable decline of the Pagan Culture.... Monumental concept album (preserved in a grand digibook edition), stylistically comprehending a millennium of Ancient Music, starting from the Martial compositions of the Roman Imperial Epoch up to the songs of the Late Renaissance." So says the promo blurb - and its pretty accurate. It`s styled around neo-Pagan/European themes and musically is very much like BLOOD AXIS. Packed in a leather-like digipack (not seen anything like that before) with a luxurious 20+ page book. Very nice piece. (COLD SPRING RECORDS)

from mailorder of "Cold Spring Records" (UK)

top


FURVUS "Deflorescens Iam Robur" (Pagan Music)
(Beyond...Prod)

Tja, wie soll ich euch dieses Album beschreiben, wo soll ich anfangen, was ist es überhaupt? Schwierige Geschichte, denn einerseits ist das Album von Furvus Musik, andererseits nicht im herkömmlichen Sinne, wie es sonst so hier vorgestellt wird, aber dennoch passt es in diese Rubrik. Vorab zum Verständnis dieses Werkes ein kleiner Überblick über den Erschaffer Luigi M. Mennella. Dieser hat eine sehr abwechslungsreichen künstlerischen Lebenslauf zu bieten, denn sein inneres Verlangen, sich kunstvoll auszudrücken vollzog er sowohl im grafischen, lyrischen als auch musikalischen Bereich. Eigene Bands, eignes Label, Opernsänger, Grafik-Designer und mehr gehören seit den 80ern zu seinen Erfahrungen. Allerdings ist er häufiger aufgrund von Unverständnis der Mitmenschen zu seinen Interpretationen dieser künstlerischen Möglichkeiten nicht voll anerkannt gewesen. Zu einem seiner letzten Projekte gehört nun Furvus, wo Luigi uns an einen musikalischen Ausflug durch die Zeit vom Alten Rom bis in die späte Renaissance teilhaben lässt. Akustische, atmosphärische Klänge, mal unterstützt von Flöten und Trommeln oder männlichem (Sprech-)Gesang bestimmen das Klangbild von "Deflorescens Iam Rbur". Die Musik hat etwas beruhigendes an sich und folgt irgendwie einer geradlinigen Spur. Manchmal tendieren die Klänge Richtung Folk, aber auch klassiche Einflüsse sind wahrnembar, allerdings ist die Musik von Furvus sehr eigenständig und am ehesten ist mit einem Film-Soundtrack zu vergleichen. Wahrscheinlich könnt ihr euch noch immer nicht mehr darunter vorstellen, aber wer neugierig ist, der sucht mal nach dieser Scheibe. (eller)

from webzine "Amboss Magazine" (Germany)

top


FURVUS, Deflorescens Iam Robur 

Musically between Mortiis and Puissance, the CD arrives in an impressive leather (like) digipack and 24 page booklet. Roman art beautifies the pages, while the story decries the decline of the Pagan culture with much drama, bombastic speeches in a foreign tongue, all to a dark baroque score.

from mailorder of "Middle Pillar" (USA)

top


FURVUS
"Deflorescens Jam Robur"
2000 BEYOND... PROD RELEASE CD 

Roma después de tantos siglos sigue fascinando y maravillando a todo aquel que indague un poco en aquella fastuosa civilización. Ya en la época contemporánea Mussolini intentó aprovecharse de ese espíritu para levantar una Italia en retroceso, pero fue Hitler quien más supo sacarle partido a todo un espíritu de conquista, de batalla , de disciplina.... pero en este caso no nos vamos a quedar con la grandeza del imperio, sino con su desgracia, con su decadencia, después de obtener prácticamente todo el mundo conocido, el coloso empieza a caer; y es con el emperador "Romolo", cuando alcanza cotas ínfimas.
La música de Furvus, nos sirve para amortiguar esa caída o quizás sencillamente para ambientarla. Nos encontramos con un trabajo, musicalmente hablando, sencillamente exquisito y muy completo. La orquestación es riquísima y los temas aunque de muy corta duración en general (un total de 20 temas en algo más de 39 minutos), consiguen trasmitir el espíritu romano. Por momentos es tranquila, serena, en otros se vuelve espiritual, religiosa, para luego transportarnos a batallas épicas.
Cabe destacar la presentación en imitación de cuero marrón, con un libreto interior a todo color y con ilustraciones de la época que ambientan perfectamente el aporte musical.
Un trabajo que podríamos encasillarlo en las músicas rituales-folk, pero que es mejor no etiquetarlo y llamarlo sencillamente especial.

from webzine "Necropolis" (Spain)

top


FURVUS
"Deflorenscens Iam Robur"
(Beyond Productions) 

Difficile valutare questo disco, in quanto il genre proposto è molto particolare. In pratica si tratta di un tributo alla Roma pagana, suonato interamente con strumenti classici (dimenticatevi chitarre distorte e bassi elettrici), il tutto condito da liriche in latino (a parte una sola traccia in cui il "narratore" canta in italiano). Sicuramente un disco interessante, suonato molto bene e che si presenta in una confezione lussuosissima di tutto rispetto (un digipack in pelle nera ricamato a mano con bordature dorate e boocklet molto ben curato). Un disco di non facile assimilazione, ma da ascoltare (Riccardo Maffiodo). Voto: 7

from webzine "Babylon" (Italy)

top


FURVUS
"Deflorenscens Iam Bobur"
(Beyond Prod)

VOTO ng
Top priority release per la Beyond...Prod, intraprendente label italiana gestita dal professionale Giovanni Indorato. Il lavoro dei Furvus è veramente spettacolare per impaginazione e grafica di copertina. Gran bel lavoro davvero, con un super digipack ad esaltarne la complessità dell'Opera. Il fatto inquietante è che in questo cd non troverete nulla di musica. Sì, è un assurdo e complesso concept Ambient recitato in Latino. Un lavoro sicuramente all'avanguardia per quanto riguarda le strutture e molto, molto cinematografico. Sì, a mio avviso è un lavoro da colonna sonora (di un film storico, beninteso) e per questo non facilmente assimilabile dall'ascoltatore che si trova completamente spiazzato di fronte a tutto ciò! Lo consiglio caldamente a chi va trovando strutture completamente innovative, per gli altri, un ascolto e poi la decisione! (Mariano Fontaine)

from magazine "Crash Magazine" (Italy)

top


FURVUS "Deflorenscens Iam Robur" CD 2000
Beyond Production

A totally new name and I believe not only for me. Coming from Italy this one man band offers very interesting sonorities divided into four books in sum of twenty tracks. Concept as well as music itself is based and dedicated to, as is very well described in promo materials, "decline of Roman Pagan culture and stylistically embracing one millennium of music". And so I dive myself into majestic keyboard soundscapes, which really breathe of ancient times and create a very sensitive moments full of sorrow and nobleness. Very often a full and trained voice of Luigi, the only person shaping the forms of Furvus, can be heard in spoken word (in Latin exclusively) as well as in choirs. One vocal pattern is very similar to what Garm does in his bands, but it's used only once or twice, so no one can speak about ripping him off. Only comparison that came into my mind to better describe this interesting piece of art is Endura in their Black Eden times, but take this as a distant similarity of both in some moments. Furvus is also less ambientish, minimalistic and not so dark as the aforementioned duo and uses acoustic guitars more often (two or three themes are a bit in Ataraxia's vein). Also shamanic percussions together with a few spaces for flute are employed here as well as parts influenced by music of renaissance era (pity that only in small quantities), only making the overall outcome more varied and colorful. By the way Luigi himself seems to be an interesting person with various activities (painting, clay- modelling, writing poetry, participating in few metal outfits, running a distro and label of his own and so on) and has my deepest respect for the talent he has. If you seek some intensive, varied and feelingfully music with high artistic qualities you can't go wrong with Furvus (M.Black).

from magazine "Eclipse Magazine" (Norway)

top


TURVUS "Deflorenscens Tam Robur"

(Cd, Beyond Production)

(...) La mia non è una lunga recensione, in quanto sono del parere che non servano ulteriori indicazioni al riguardo...ciò che mi trovo nelle orecchie è una musica sinfonico sacrale da horror-movie, con inserti vocali recitati con una voce inquietante: in breve, un'ottima amalgama tra suoni Cold Meat evoluti e un Mortiis non prolisso. Ottime atmosfere cupe, trasudanti goticismo al sapore di muschio tombale...in una parola, "satanico". (Alberto Lutriani)

from magazine "Ascension" (Italy)

top


FURVUS "Deflorenscens Iam Robur"
(Cd, Beyond Production)

Come avevo annunciato nella recensione degli En Velours Noir, ecco a voi il nuovo progetto di Luigi Mennella che ci sorprende in tutti i sensi superando in alcune soluzioni anche il tema portato avanti con il nome principale. Se negli En Velours Noir si procedeva verso una ricerca di varie sensazioni attraverso varie forme musicali che spesso si mischiavano tra loro, con la formula Furvus ci si concentra maggiormente su uno stile musicale ben preciso. Questa focalizzazione rende questo lavoro affascinante e di presa su chiunque abbia la voglia di avvicinarvisi. Musica epica ed eroica che come una macchina del tempo attraversa vari secoli partendo dall'antica Roma fino a raggiungere il Rinascimento analizzando gli aspetti più pregnanti dei periodi storici. Le migliori tensioni convogliate in venti pezzi (senza titolo) uniti tra di loro quasi a formare un'unica suite che spaziano da atmosfere liturgiche (la quinta traccia), mistiche (la 9) e medievali (la 17) fino a quelle soavi ed acustiche (la 10 e 18) anche se il tutto risulta avvolto in epiche e neoclassiche soluzioni che si mostrano in tutto e per tutto nelle tracce 2-4-15-16. Sempre sotto la benedizione di Penitent e Arcane Art. Se poi aggiungiamo il fatto che il cd si presenta in una affascinante e preziosa confezione de luxe avvolta in un digibook di cuoio penso che vi siano tutti i crismi per rendere questa uscita decisamente imperdibile. (Ottavio Chiodo)

from magazine "Marbe Moon" (Italy)

top


FURVUS "Deflorenscens Iam Robur"

La bellezza di questo album sta tutta nella sua particolarità e nella sua capacità di farsi notare. Furvus è una one man band (formula che alla Beyond productions sembra piacere parecchio) che propone un concept album diviso in quattro parti a loro volta composte da venti brani dedicati al declino della cultura romano pagana. Al di là delle disquisizioni filosofico culturali che accompagnano il disco, mi concentrerei sulla musica vera e propria che appare subito come molto ricercata e studiata, un complesso affresco di musica natica, uno spettro temporale che va a ricopreire lunghi e contradditori secoli del nostro dimenticato passato. La cura che poi la piccola etichetta ha sfoderato per Furvus ha quasi del maniacale dal momento che il cd verrà commercializzato con un digipack particolarmente lussuoso ed adatto alla proposta musicale, denominato deluxe leather digibook. Trovare paragoni alla musica di Furvus è difficile e quantomeno inutile, immaginatevi un dipinto al contempo epico ed evocativo che piacerà ai molti interessati alle sonoritò antiche e che sarò anche un invito in più a chi di voi ne ha bisogno a chinare la schiena su quel maledetto libro di storia. (Pilato)

from mailorder "Negative" (Italy)

top


FURVUS
Deflorencens From Robur
Beyond Prod. / Hammerheart / Bertus

De achtergrond van de artiest achter dit solo-project ga ik je besparen, maar laat ik stellen dat de Italiaan Luigi M. Mennella (zie ook En Velours Noir) een bijzonder veelzijdig man is; van klei-sculpturen, het runnen van een label en distro tot grafische ontwerpen: wat moet hij kunnen toveren met tijd! Enfin, Furvus is een concept-album dat, verdeeld over vier 'boeken0 en 20 hoofdstukken/nummers, de muziek van het voorbije millennium volledig belicht: van de Romeinse tijdento muziek uit de late renaissance. Da's pas een origineel concept! Luigi buigt al die invloeden natuurlijk in een duistere en originele ambient bocht. Wat een prachting, episch en afwisselend opus is dit! Een uitstekende soundtrack om weg te dromen naar tijden die niet meer zijn! 'Deflorescens...' zit trouwens verpakt in een luxueuze lederen digibook. (BDC) ZILVER (5/7)

from magazine "Mind View" (Belgium)

top


FURVUS
"Deflorencens Iam Robur" CD
(Beyond Prod.)
VOTO: 8

Risulta difficile per un profano come me spiegare a parole l'opera partorita da Luigi Mennella nel suo progetto Furvus. Quindi mi attingo in tutto e per tutto alla presentazione biografica, per poi passare alle mie conclusioni personali. (...) Puntualizzato questo, c'è da dire che Furvus è un opera di non facile apprendimento e quindi necessita una certa cultura sia storica che di musica per l'appunto antica. Ho apprezzato moltissimo la peculiarità con la quale Luigi è riuscito a mettere in musica testimonianze antiche, senza l'ausilio del computer, ma utilizzando veri strumenti d'epoca, però il mio apprezzamento si limita alla musica, le tematiche le lascio giudicare a chi è di competenza. La voce di Luigi narra le varie vicissitudine in base all'epoca alla quale il capitolo è riferito. Ricordo inoltre ai lettori, che si tratta di musica che non ha niente a che fare con l' Heavy Metal, quindi niente dinamismo, cambi di tempo o velocità...è un lavoro "monolitico" che rispecchia appunto le epoche in cui è ambientato ed è per questo che merita l'attenzioe di tutti. Da segnalare anche la splendida confezione in pelle ed oro nonché l'immenso booklet che accompagna il cd. Un grande plauso a Luigi per aver dato alla luce un'opera perfetta ed affascinante sotto tutti i punti di vista. (Ruggeri Andrea).

from fanzine "Forever Underground" (Italy)

top


FURVUS

(...) Passiamo di corsa dalle nostre parti segnalando alcune uscite anche per la Beyond Prod...Furvus con il suo Deflorence Iam Robur rappresenta probabilmente uno dei momenti più ricercati e complessi della produzione livornese. Fondamentalmente le tracce sono un escursus classico medievaleggiante fondati sull'utilizzo di chitarre acustiche e tappeti tastieristici alla Mortiis. Interessanti.

from magazine "Rumore" (Italy)


top


Furvus: Deflorescens Iam Robur
(CD - Mvsa Ermetica/Antimonium, 2013)

Recensimmo Deflorescens Iam Robur quando Ver Sacrum rilasciava testimonianza della sua esistenza affidandola alla nobile carta (numero XI del marzo 2001), datando la sua prima pubblicazione al 1999 (Beyond… Productions a patrocinare). Una nuova edizione dell’opera vide già la luce nel 2002 (in una collectors’ edition sotto la stessa sigla), oggi è la volta di una ennesima, e quanto mai opportuna, riscoperta, e se i contenuti musicali ricalcano quelli della prima pubblicazione (opportunamente sono stati rimasterizzati per renderli confacenti allo standard richiesto dalle pubblicazioni contemporanee, ma lo spirito è rimasto intatto, custodito in una teca infrangibile), ecco che il libretto si rivela fonte preziosissima di informazioni, essendo inoltre arricchito da un apparato visuale eccellente, frutto di una ricerca del bello che rimanda alla grandezza dell’Arte del passato, quand’era incontaminata e mirava alla purezza, anche nelle sue manifestazioni più tenebrose, in quanto monda delle sue manifestazioni più esteriori e decisamente volgari che la corrodono oggidì. Una eleganza dei contenuti che ben si confà alla maestosità dell’espressione sonora, che in quattro capitoli ci consente di apprezzare l’opera di ricerca messa in atto da Luigi Maria Mennella. Furvus rappresenta la sua anima più marziale ed epica, fortemente intrisa ed inscindibile da riferimenti ad un’epoca passata che ha segnato sì decadenza (il crepuscolo dell’Impero Romano d’Occidente), ma che ha incubato i primi germi di una Rinascita che si è sviluppata nei secoli a venire, attraversando l’evo mediano a torto definito dalla maggioranza buio. E’ musica solenne, maestosa, narrata da un aedo che induce stupefazione nell’uditore, in forza di una narrazione di eventi meravigliosi compiutisi in terre lontane (il finale del “Liber secundus”), di gesta valorosissime, di sacrifizi e di trionfi, fino ad introdurci ad un Medioevo che sta lentamente aprendosi all’epoca del rinnovamento. I testi esprimono un pensiero libero, fortificato da una convinzione ferrea, che viene espressa con rade, ma puntualissime nella loro asciutta esposizione, parole. Una ristampa che colma un vuoto, quello dell’irreperibilità degli originali, e che infittisce ulteriormente il calendario d’uscite di Mennella, al quale senza esitazione va riconosciuta una vena feconda che parrebbe ben lontana dall’esaurirsi. (Hadrianus)

from webzine "Ver Sacrum" [23/4/2013]

top


FURVUS

DEFLORESCENS IAM ROBUR (39:03 min.)

BEYOND / BEYOND
Furvus´ "Deflorescens Iam Robur" ist ein Album, dessen Vielschitigkeit und stilistische Offenheit kaum in Worte zu fassen ist. Ausgehend von heidnisch-römischer Kultur und ihren künstlerisch vielfältigen Einflüssen präsentiert das Projekt Luigi M.Mennella´s, untergliedert in vier Kapitel, eine Bandbreite musikalischer Einflüße, die von martialisch anmutenden Marschrhythmen bis hin zu verträumt wirkenden Einflüssen der Renaissance reicht, von sakralen Chören bis hin zu den, vom Bariton seines Protagonisten beeinflußten Kompositionen epischen und häufig düsteren Ausmasses. Dabei wird aber vor allem eins deutlich: Furvus haben sich mit der musikalischen Materie intensiv auseinandergesetzt und liefern ein ungemein authentisches Werk ab, an dem sich so manche Band ein Vorbild nehmen sollte, bevor sie die Welt mit ihren Machwerken belästigt (nicht wahr, Hrossharsgrani). Auch wenn "Deflorscens Iam Robur" bereits älteren Datums und unter Umständen in seiner limitierten Version im Ledercover bereits vergriffen ist, dieses epochale Opus ist ein Muss für alle Freunde anspruchsvoller und heidnisch beeinflußter Musik.
9/10 - MK 

from webzine "Obliveon" (Germany)

top


FURVUS
"Deflorescens Iam Robur"
(Mvsa Ermeticka)
Time: (39:00)
Rating : 7.5

Chi ha sempre seguito con attenzione la scena nazionale dovrebbe ricordarsi piuttosto bene di Furvus, progetto guidato in solitaria da quel Luigi Maria Mennella che abbiamo conosciuto anche nei panni di En Velours Noir e F.ormal L.ogic D.ecay. Messa in piedi la Mvsa Ermeticka (che stamperà nell'anno in corso anche il miniCD dell'atteso ritorno per Furvus "Reliquarium"), il poliedrico artista nostrano riparte proprio da dove il discorso si era interrotto, ristampando in una tiratura di 1000 copie quel fulmine a ciel sereno che fu il debut "Deflorescens Iam Robur", ad oggi unica release rilasciata dal progetto. "Deflorescens...", concept album dedicato al declino della cultura pagana, usciva nel lontano 1999 per l'ormai defunta etichetta genovese Beyond... Prod. in un lussuoso digipak limitato anche allora a sole 1000 copie (più una successiva ristampa di soli 166 esemplari, destinata ai fans), ed è con piacere che a 14 anni di distanza giungono non solo buone nuove circa il ritorno di Furvus, ma anche l'attesa ristampa di questo pezzo pregiato perduto nel tempo. Opportunamente rimasterizzata ed arricchita da un booklet ancor più corposo che in passato, con ben 28 pagine ricche di suggestive immagini e complete di nuovi contenuti atti alla piena comprensione (testi, esegesi, curiosità etc...), l'opera emana ancor oggi quel fascino oscuro che ai tempi la impose nei circuiti underground, pur coi mezzi dell'epoca e qualche inevitabile ma perdonabilissima sbavatura. Quello di "Deflorescens..." era un suono che pescava con gusto ed in egual misura dalla musica antica (sia essa classica o medievale), dalle ambientazioni oscure e dalle derive pagane, e questa unica fatica a firma Furvus, divisa in quattro 'libri' per 20 frammenti di quello che va considerato un corpo inscindibile, conserva ancor oggi la sua plumbea e coinvolgente carica emotiva di stampo neoclassico. Fra teatrali declamazioni in latino, cupi spazi ambientali, netti richiami medievali e sinfonie traboccanti un pathos millenario (il tutto creato ed eseguito da Mennella senza l'ausilio di alcun computer, come specificato nei crediti), l'opera risulta ancor oggi più che godibile, e rappresenta senza dubbio un piccolo pezzo di storia della scena italiana che merita rispetto. Sarà davvero interessante scoprire dove ritroveremo e dove andrà Furvus dopo tanti anni di ibernazione, e nel frattempo molti di voi potranno finalmente recuperare un lavoro che non meritava di rimanere relegato nel passato. (Roberto Alessandro Filippozzi)

from webzine "DarkRoom" [30/5/2013]

top


FURVUS
"Deflorescent Iam Robur"
(CD, Mvsa Ermeticka / distr. Antimonivm)

Interessante ristampa del debutto di Furvus, uno del tanti progetti di Luigi Maria Mennella, uscito in una prima edizione nel 1999. L'edizione limitata di due anni dopo si ricollega ai miei ricordi quando, ad una delle prime fiere del disco di Genova, conobbi i ragazzi della Beyond Records. Questi, saputo il mio modesto ruolo di imberbe recensore, mi vendettero a prezzi scontati alcune loro produzioni compresa la bella ristampa di "Deflorescent Iam Robur" in quella elegante copertina-booklet marrone similpelle con i caratteri in oro. Quando feci la recensione commisi uno dei tanti errori della mia vita di scribacchino; traviato dai caratteri gotici recensii il cd di Turvus (con la Tal posto della F).
E' passata tanta acqua sotto i ponti e i recenti contatti con Luigi mi hanno confortato. In quel frangente, in un'epoca nella quale non sempre avevi la press-release, internet era sulla luna e dovevi cevartela con i tuoi mezzi, non fui l'unico a esser fuorviato dalla grafica.
Oltretutto, lo ammetto, nel corso degli anni scambi culturali e amenità varie mi hanno portato a privarmi di quella preziosa copia in edizione limitata. Postomi quindi l'obbligo di non andare a rileggere quella prima recensione che feci, scelgo di affrontare il lavoro Mennella come un prodotto nuovo, ascoltato con un diverso orecchio dato dalla maturazione personale (spero) acquisita col tempo.
Le tracce si suddividono in capitoli del primario "Liber". Inutile quindi concentrarsi su questi dettagli e meglio assimilare l'opera nella sua interezza. Un lavoro di suono possente ed evocativo dove, se si può azzardare un paragone, occorre tirare in ballo alcune produzioni importanti della vecchia Cold Meat Industry, Quanto appena detto appare però riduttivo; il pathos e la solennità del suono è decisamente maggiore, situazione che scaturisce dall'essere italico, ovvero figlio sia dell'evocazione latina sia di quella musica sacro-classica che, quando "paganizzata, scende in tetre ed inquietanti atmosfere da inferno profondo. Sì, diciamo pure una sorte di Santa Inquisizione sonora che dietro la sacralità del mandato nasconde le peggiod nefandezze ed atrocità.
Questo è l'intrigante mondo nel quale siamo proiettati ascoltando "Deflorescens Iam Robur"... Un cammino all'interno di cattedrali gotiche cupe e matide di pioggia scrosciante, con i tetti squarciati attraverso cui si scorgono nubi nere e lampi che illuminano i gargoyle, trasformandoli in giganteschi mostri con artigli spaventosi... Poi, d'improvviso, ecco apparire il sole, con suoni rassicuranti a tranquillizzare l'animo e momenti di marziale solennità che fanno tornare coraggio e impeto impavido gonfiando il petto (oppure la distensione rilassata e gioiosa di un saltarello).
Tutto questo è il suono di Furvus, il resto dovete "sentirlo" voi nei reconditi angoli della vostra mente. Furvus fornisce la colonna sonora per ciò che potrebbe sprigionarsi davanti ai vostri occhi chiusi e, credetemi, il risultato sara un'esperienza travolgente.
Chiudo ripetendo il concetto espresso all'nizio. Non ricordo cosa scrissi anni fa, ma la mente si è arricchita e ora Furvus mi intriga, merito di un suono che non sarà mai fuori tempo, "mantenendo viva la forza". (Alberto Lutriani)

from zine "Ascension" (Italy)

top